• Facebook Page: informagiovani
  • Google+: informagiovani
  • Twitter: informagiovani
  • YouTube: informagiovani

Sistema Informativo Regionale Giovani

  • Visite: 736

Il SIRG, Sistema Informativo Regionale Giovani

In Italia non esiste ancora una legislazione organica in materia di politiche giovanili; l’elaborazione e l’implementazione di politiche per i giovani è stata demandata alla sensibilità politica degli amministratori locali, a livello regionale e provinciale.

 

La Regione Campania ha mostrato grande interesse ed attenzione verso le politiche giovanili ed la è tra i pochi Enti Regionali italiani ad avere una consolidata esperienza nel settore.

Quest’esperienza trae origine dalla disciplina europea delle politiche giovanili. Ne sono testimonianza importanti atti legislativi ed amministrativi. Il primo intervento normativo è datato 1989 quando, con la Legge 14, è stato istituito il Servizio Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù. Nel 2000 vi è stato un nuovo intervento legislativo con l’approvazione ed entrata in vigore della Legge n. 14 “Promozione ed incentivazione dei Servizi InformaGiovani ed istituzione della rete territoriale delle strutture” ed è in via dirittura di arrivo il Disegno di legge "Promozione e Coordinamento delle Politiche Giovanili" approvato con Deliberazione di Giunta Regionale nel marzo del 2009.

All’interno di questo quadro normativo e culturale nasce il SIRG - Sistema Informativo Regionale Giovanile, previsto dall'art. 2 della L.R. 14/2000.

Il SIRG è la Rete delle strutture InformaGiovani che si sviluppa all'interno di aree sub - regionali, nei territori delle Province e della Città Metropolitana di Napoli. Si articola, per diversità e complessità di ruoli, funzioni e compiti, nelle tre tipologie:

a) AGENZIA SERVIZI INFORMAGIOVANI (ASIG) istituita e gestita dall'Amministrazione Provinciale, e, allorché costituita, dalla Città Metropolitana di Napoli per il territorio di propria competenza;

b) CENTRO INFORMAGIOVANI (CIG) istituito e gestito dai Comuni singoli o associati, con sede nel Comune sede del Distretto scolastico o, in subordine, in quello che provvede ai locali ed al personale, che rivolge la propria attività ai giovani dell'intero territorio coincidente con quello del distretto scolastico di appartenenza;

c) PUNTO INFORMAGIOVANI (PIG) istituito e gestito dal singolo Comune.

Il Sistema si configura, pertanto, come un sistema complesso che si avvale dell'intervento della Regione, Province e Comuni che, a vario titolo, concorrono alla sua realizzazione. Il suo coordinamento, attraverso la determinazione degli indirizzi programmatici e la verifica generale dell'andamento dei servizi InformaGiovani, è assicurato dal Comitato Regionale di Coordinamento dei Servizi InformaGiovani, (previsto dall'art. 6 della LR 14/2000). Esso si avvale del supporto tecnico del Settore Politiche Giovanili e del "Tavolo Tecnico" di coordinamento composto dai responsabili del Settore Politiche Giovanili, delle cinque Agenzie e del Centro InformaGiovanidi Napoli.

La sua costruzione e realizzazione ha quale obiettivo principale il raggiungimento della finalità primaria dello sviluppo dell’informazione, quale necessario strumento di interazione e partecipazione dei giovani e di prevenzione primaria per il superamento degli ostacoli di ordine culturale, sociale ed economico che si frappongono alla loro piena maturazione.

In seguito allo sviluppo della rete del SIRG ed alla normativa successiva alla Legge 14/2000, sono stati previsti organi tecnico – amministrativi a supporto della programmazione, della progettazione e della gestione degli interventi sia a livello regionale che presso le Agenzie e i Centri InformaGiovani. Il ruolo e le funzioni di tali organi, all’interno dell’ultima tornata di programmazione regionale, sono stati rafforzati al fine di creare le condizioni istituzionali del lavoro in rete. Le denominazioni assunte dagli organismi sono: Tavolo Regionale di Coordinamento delle Politiche Giovanili – Comitato Provinciale di Coordinamento delle Politiche Giovanili e Comitato Distrettuale di Coordinamento delle Politiche Giovanili. Obiettivo strategico è condividere e proporre azioni di miglioramento della qualità, di monitorare i servizi e l'andamento dell'azione di sistema, di concertare la programmazione e il monitoraggio delle azioni e dei prodotti offerti dai servizi di informazione per la gioventù e quelle destinate ai giovani.

La presenza di tali Comitati rappresenta per la Regione un sicuro ed inderogabile standard di qualità per un azione integrata di informazione e partecipazione sul territorio.

La Regione, in particolare, ha il compito di promuovere l'istituzione dei Servizi InformaGiovani e della rete, coordinarne e vigilarne interventi ed attività. Incentiva, inoltre, l'azione degli Enti Locali suddetti attraverso contributi ai progetti InformaGiovani che i medesimi annualmente possono presentare.

Chi è online

Abbiamo 247 visitatori e 8 utenti online

  • Williamgaf
  • pedrokitchens08453788
  • lasonyalindeman
  • sibylklinger94458
  • aaob4afcqys
  • thfulemmicnemape
  • iu89byh2t4kq
  • planasbisubrasym